Felice Vinci signs the "Wall of fame" at DeepBrain Society in 2009

 The Baltic Origins of Homer's Epic Tales

The Baltic Origins of Homer's Epic Tales

 

The book "The Baltic Origins of Homer's Epic Tales", published in USA in 2006, is the English version of the Italian essay "Omero nel Baltico. Le origini nordiche dell'Odissea e dell'Iliade" by Felice Vinci (?Homer in The Baltic. The Northern origins of the Odyssey and the Iliad?, 5th edition, Palombi Publishers, Rome 2008), introduced by Prof. Rosa Calzecchi Onesti, a scholar and translator of the Iliad and Odyssey into Italian. The author presented, upon invitation, the theory expounded in the book on the occasion of the International Finno-Ugric Conference held by the Simon Fraser University of Vancouver, Canada, in April 2002. On April 2005, he lectured twice on this topic at the University of Rome, Dpt. of Geography, where the book was adopted as a text on which students are examined. The author presented his theory at the University of Riga, Latvia, last November 2005, and at the University of Padova (Padua), Italy, in February 2006. Moreover, he presented it at the University of Pavia, Italy, in May 2006. Many newspapers and journals dedicated articles on this topic here in Italy, such as Corriere della Sera, Sole 24 Ore, Focus, Limes, Prometeo and so on. The Italian National Television "RaiDue" dedicated an episode (40 minutes) of the telecast "Voyager" to this topic the 19 November 2008 at 9 p.m. (website  http://www.youtube.com/watch?v=u9uywTyq7EA  ).

"Homer in the Baltic" was published in <?_

The book has been published in USA under the title "The Baltic Origins of Homer's Epic Tales" (see please the website http://www.innertraditions.com/Product.jmdx?action=displayDetail&id=2068 ). It was adopted as a text for the students of the Bard College, New York, in 2007.

In June 2006 Prof. William Mullen, who teaches Classics at the Bard College, sailed from Stockholm, Sweden, on a sail boat with four of his pupils to follow Ulysses's course indicated in the book, as you can see in the website http://vteam06.googlepages.com/  This event was financed by a 6,000 Dollars grant given by SEA, a prestigious USA Oceanographic Institute.

Here are some comments from American scholars on the book:

"It is hard to overstate the impact, both scholarly and imaginative, to be expected from dissemination of Vinci's compellingly argued thesis about the Baltic origins of Homeric epic.  Scholars will be rethinking Indo-European studies from the ground up.  And readers of Homeric epic will enter into fresh realms of delight as they reimagine the world in which its heroes first breathed and moved" (William Mullen, Bard College, NY);

"This book poses so many intelligent and pertinent questions and offers so many brilliant solutions to various problems contained in the Homeric epic that it would truly be a pity if it passed unnoticed" (Leszek Wysocki, McGill University);

"Felice Vinci has done what was considered an almost impossibility. He has opened up a new front in the battle lines of the Homeric question (...) After reading Vinci's Homer in the Baltic, one is irresistably tempted to say "yes" to the origins of the Greek peoples in Scandinavia" (Victor DeMattei, an United States historian and scholar specializing in Balkan civilization and culture);

"Your essay presents a remarkably compelling thesis which is very well researched and documented (...) Your thesis is, to say the least, both fascinating and  revolutionary in terms of accepted lore" (Thomas Wyman, Stanford University);

"Homer in the Baltic is a rare example of a work that turns received notions upside-down. Vinci has done so with such thoroughness that, if one only credits half his examples, one is compelled to accept his thesis" (Joscelyn Godwin, Colgate University)

"I find it powerful, methodical, important, and convincing" (Alfred de Grazia, Princeton).

Positive reviews were published on the Bollettino della Società Geografica Italiana (an Academic journal here in Italy), on the Danish literary journal Klassikerforeningens Meddelerser, and on the German review PM Magazin. A 20 pages abstract was published on the Journal of Finnish Studies, Volume 6, Numbers 1 & 2, August & December 2002 (University of Toronto). A 35 pages presentation is found on "ARION. A Journal of Humanities and the Classics" of Spring-Summer 2007, published by the Boston University. Read please this presentation on the website http://sites.google.com/site/vteam06/shb  A recent review of the book is on the website of an USA on-line journal: http://www.barnesreview.org/html/jan2007lead.html 

A scientific international workshop on "Homer in the Baltic" inspired to this book took place in Finland last 10 August 2007, with archaeologists and professors from the Universities of Milan, Rome, Pavia, Messina, New York, Riga, including Alessandra Giumlia-Mair, archaeologist. See please the website http://www.kiskoseura.fi/troija/english/seminar.html  The Proceedings, in English, were edited by Prof. Giacomo Tripodi of the Messina University, where they were presented last May, 7th.

Upon invitation, the Author presented his theory at the INTERNATIONAL CONFERENCE ON MEDITERRANEAN STUDIES, held by the Athens Institute for Education and Research, in Athens in March2008 (website http://www.atiner.gr/docs/Mediterranean.htm ).The book was published in Estonia in June 2008, under the title "HOMEROSE EEPOSTE LÄÄNEMERE PÄRITOLU". See please the website http://rahvaraamat.delfi.ee/?id=63&no=R075260

The Swedish edition was published in October 2009 under the title Skandinaviskt ursprung för Homeros dikter (see please the websites http://www.lumio.se/homeros.html  and http://www.bokextra.se/artikel.php?id=195363 ). It was presented at the "Bokmässan" of Goteborg.

Abstract:

<<The real scene of the Iliad and the Odyssey can be identified not in the Mediterranean Sea, where it proves to be weakened by many incongruities, but in the north of Europe. The sagas that gave rise to the two poems came from the Baltic regions, where the Bronze Age flourished in the 2nd millennium B.C.  and many Homeric places, such as Ithaca and Troy, can still be identified. The blond Achaeans who founded the Mycenaean civilization in the 16th century B.C. brought these tales from Scandinavia to Greece after the end of the "post-glacial climatic optimum."  Then they rebuilt their original world, where the Trojan War and many other mythical events had taken place, in the Mediterranean; through many generations the memory of the heroic age and the feats performed by their ancestors in their lost homeland was preserved, and handed down to the following ages, until this oral tradition was put in writing in the VIII Century BC, when the alphabetical writing was introduced in Greece>>.

Wider abstracts are found in different languages in as many websites, as follows:
in English:
http://www.jesus1053.com/en/l2-wahl/Abstract-Vinci.htm

in German: http://www.bocksaga.de/vinci_german.htm 

in French: http://racines.traditions.free.fr/omerbalt.pdf

in Spanish: http://www.geocities.com/symbolos/envinci.htm
in Italian: 
http://www.estovest.net/letture/omero.html
in Russian:  http://www.petergen.com/history/baltodis.shtml

BIOGRAFIA

Felice Vinci nasce il 21 febbraio 1946 a Roma. Nel 1971 si laurea in ingegneria nucleare. Lavora come dirigente all'Enel, successivamente alla Sogin. Nel 1978 partecipa all'avviamento della Centrale di Caorso. Dopo il blocco del programma nucleare italiano in seguito al referendum del 1987, nel 1992 Vinci inizia una laboriosa ricerca sull'origine dei poemi omerici dalla quale ha origine la sua tesi secondo la quale l'Iliade e l'Odissea, tradizionalmente legate a spazi e tempi leggendari, potrebbero essere “La Preistoria dell'Europa”, un'epopea scandinava ambientata nei mari del Nord anziché nel Mediterraneo, con valenza storica prima che letteraria.

SINTESI DELLA TEORIA DI FELICE VINCI

<Il reale scenario dell'Iliade e dell'Odissea sarebbe identificabile non nel mar Mediterraneo, che dà adito a innumerevoli incongruenze (clima sistematicamente freddo e perturbato, battaglie che proseguono durante la notte, eroi biondi intabarrati in pesanti mantelli di lana, fiumi che invertono il loro corso, il Peloponneso pianeggiante, isole e popoli introvabili...), ma nell'Europa settentrionale. Le saghe che hanno dato origine ai poemi omerici proverrebbero dal Baltico e dalla Scandinavia, dove nel II millennio a.C. fioriva una splendida età del bronzo e dove sarebbero tuttora identificabili molti luoghi omerici fra cui Troia e Itaca; le saghe sarebbero state portate in Grecia, in seguito al tracollo dell'Optimum climatico, dai grandi navigatori achei, migrati dal Nord, che nel XVI secolo a.C. fondarono la civiltà micenea: essi avrebbero ricostruito, nel Mediterraneo, il loro mondo originario in cui si erano svolte la guerra di Troia e le altre vicende della mitologia, perpetuandolo di generazione in generazione e trasmettendo, alle epoche successive, il ricordo dei tempi eroici e delle gesta compiute dai loro antenati nella patria nordica perduta. La messa per iscritto di questa antichissima tradizione orale, avvenuta in seguito all'introduzione della scrittura alfabetica in Grecia, attorno all'VIII secolo a.C., avrebbe poi portato alla stesura dei due poemi nella forma attuale.>

Nel 1993 Felice Vinci pubblica le sue ricerche in Homericus Nuncius edito da Solfanelli. Il testo, rivisitato, viene successivamente riproposto da Palombi Editori con il titolo Omero nel Baltico. Le origini nordiche dell'Odissea e dell'Iliade che nel 2008 è alla sua quinta edizione, presentato dalla Prof. Rosa Calzecchi Onesti, studiosa e traduttrice di Omero.

sito http://www.palombieditori.it/detail.php?book=54&vetrina=venduti

LA TEORIA DI FELICE VINCI NELLE NELLE UNIVERSITA' ITALIANE

Felice Vinci presenta le sue teorie nelle Università italiane di Pavia, Padova, Roma e Messina, in particolare nel 2005 tiene alcune lezioni in un seminario presso il Dipartimento di Geografia della Facoltà di Lettere dell'Università "La Sapienza" di Roma, nell'ambito del corso "Il mare: mito e letteratura" tenuto dal Prof. Gianfranco Bussoletti, dove Omero nel Baltico è indicato fra i testi d'esame. Nel 2007 è invitato dalla Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Roma Tre. Nel 2009 l'Università di Messina espone gli atti del seminario tenuto in Finlandia nel 2007.

LA TEORIA DI FELICE VINCI NELLE NELLE UNIVERSITA' ESTERE

Le sue ipotesi suscitano particolare interesse anche all'estero: nel 2002 viene invitato in un convegno internazionale all'Università di Vancouver. Nel 2004 i professori del Dipartimento di Filologia Classica dell'Università russa di Saransk traducono integralmente il suo libro, pubblicandolo e diffondendolo presso le Università e i Circoli Accademici e Culturali in Russia. Nello stesso anno Vinci espone le sue teorie e l'edizione russa del libro all'Accademia delle Scienze di San Pietroburgo: presenziano eminenti studiosi tra i quali la professoressa Tatyana Devyatkina titolare di “Filologia Classica” all'Università di Saransk che scrive: "The results of his research can  be considered among the greatest discoveries of the 20th -21st centuries". Nel 2005 è invitato a un convegno presso il Dipartimento di Filologia Classica dell'Università di Riga, in Lettonia. Nel 2006 il suo libro viene tradotto in inglese e pubblicato negli USA con il titolo "The Baltic Origins of Homer's Epic Tales. The Iliad, the Odyssey, and the Migration of Myth" (v. sito web: http://www.innertraditions.com/isbn/1-59477-052-2 ). Nel 2007 il Bard College di New York, nell'ambito di un corso di alti studi su Omero, organizza lezioni sull'edizione inglese del libro che viene adottato come testo per gli studenti. Il Prof. William Mullen, del Department of Classics del Bard College, scrive: "It is hard to overstate the impact, both scholarly and imaginative, of Vinci's compellingly argued thesis.... Scholars will be rethinking Indo-European studies from the ground up and readers of Homer's epics will enter fresh realms of delight as they look anew at the world in which Homer's heroes first breathed and moved". Sempre il Prof. Mullen, con alcuni suoi allievi, nel mese di giugno 2006 aveva effettuato un viaggio in barca a vela nel Baltico, seguendo le rotte indicate nel libro, con il finanziamento del SEA, importante Istituto oceanografico americano; al riguardo: il sito http://vteam06.googlepages.com/. Nell'agosto del 2007 in Finlandia  ha luogo un seminario scientifico internazionale sull'argomento, con la partecipazione di nomi importanti della cultura italiana e straniera (sito http://www.kiskoseura.fi/troija/english/seminar.html ). Gli atti vengono poi pubblicati a cura dell'Università di Messina che li espone in un convegno il 7 maggio 2009

sito  http://www.armandosicilianoeditore.it/index.php? option=com_events&task=view_detail&agid=71&year=2009&month=05&day=07&Itemid=57 ) . Nel 2008 (20-23 marzo) Vinci presentare la sua tesi alla International Conference on Mediterranean Studies, promossa dallo Athens Institute for Education and Research, ad Atene.

ARTICOLI ITALIANI CHE PARLANO DI OMERO NEL BALTICO

Nel 2003 il Prof. Edoardo Sanguineti scrive un articolo  sulla pagina culturale de "L'Unità" (v. sito http://www.disinformazione.it/omero.htm);

un articolo esce sul "Manifesto" del 7 maggio 2005 (http://www.ilmanifesto.it/g8/dopogenova/427f7321c43e4.html );

Il 28 gennaio 2007 il supplemento culturale del Sole 24 dedica un ampio articolo alla questione, con la firma del Prof. Piero Boitani, Direttore del Dipartimento di Letterature Comparate dell'Università di Roma "La Sapienza";

Nel 2007 recensione apparsa su un giornale on-line USA: http://www.barnesreview.org/html/jan2007lead.html;

Sempre nel 2007: "ARION. A Journal of Humanities and the Classics" dell'Università di Boston nel suo numero di primavera/estate 2007 dedica un articolo di 35 pagine a questo argomento (v. sito http://www.bu.edu/arion/ ). Il testo dell'articolo è leggibile sul sito http://vteam06.googlepages.com/shb

Il 19 gennaio 2008 su "Repubblica" viene pubblicato un articolo di Massimo Morello sito http://viaggi.repubblica.it/dettaglio/Odissea-nel-Baltico/186581

Nel giugno 2008 viene pubblicato un articolo-intervista di tre pagine su LIMES, Rivista italiana di geopolitica: si tratta dell'articolo conclusivo, intitolato "Il vero viaggio dell'uomo di multiforme ingegno" del Quaderno Speciale di LIMES "Partita al Polo". Sito http://palombieditori.it/rassegne/intervista_vhboo.pdf

Nel marzo 2009 un lungo articolo di 10 pagine esce sulla prestigiosa rivista “Prometeo”.

Nel 2009, numero di agosto-settembre, un articolo di Anna Maria Santoro su " Il Borghese ”.


COMMENTI DI STUDIOSI SULLE TEORIE DI OMERO NEL BALTICO:


"L'autore propone una serie di ipotesi molto ragionevoli e molto razionalmente esposte, inanellando una serie impressionante di indizi (...) Libro stupefacente e spesso molto godibile": Claudio Cerreti, Bollettino della Società Geografica Italiana, n. 1-2/2000;


"Molto ben scritto, molto serio e molto stimolante. Un'opera preziosa": Vittorio Castellani, Università di Pisa;


"Omero nel Baltico è affascinante e ne è proponibile l'attendibilità": Giorgio Galli, Università di Milano;


"Come geografo ed esperto del Nord trovo che la sua teoria meriti di essere presa molto seriamente (.) Essa allarga a dismisura gli orizzonti possibili per l'avventura umana" : Franco Michieli;


"Tutta la civiltà greca delle origini, e tutti i miti classici, ci sono arrivati di là, tra Circolo Polare Artico e Mare del Nord (.) Scommetto che il Vinci può vincere": Edoardo Sanguineti, Università di Genova;


"Libro interessantissimo, che sto leggendo con gran passione. Sono tesi, le sue, veramente appassionanti": Antonia Arslan, Università di Padova;


"Omero nel Baltico ha arricchito le emozioni che mi avevano preso ascoltando la Sua splendida lezione in Università. Si è aperto, per me, un mondo nuovo e affascinante": Alberto Gigli Berzolari, Università di Pavia;


"Ho letto con immensa curiosità e grande piacere la sua ricerca sull'Omerobaltico": Massimo Cacciari, filosofo;

"This book poses so many intelligent and pertinent questions and offers  so many brilliant solutions to various problems contained in the Homeric epic that it would truly be a pity if it passed unnoticed" (Leszek Wysocki, McGill University)


"Homer in the Baltic is a rare example of a work that turns received notions upside-down. Vinci has done so with such thoroughness that, if  one only credits half his examples, one is compelled to accept his thesis" (Joscelyn Godwin, Colgate University)


"Your essay presents a remarkably compelling thesis which is very well researched and documented (...) Your thesis is, to say the least, both fascinating and revolutionary in terms of accepted lore" (Thomas Wyman, Stanford University)


"Felice Vinci has done what was considered an almost impossibility. He hasopened up a new front in the battle lines of the Homeric question (...) After reading Vinci's Homer in the Baltic, one is irresistably tempted to say "yes" to the origins of the Greek peoples in Scandinavia" (Victor DeMattei, storico e studioso delle culture balcaniche)


"I find it powerful, methodical, important, and convincing" (Alfred de Grazia, Princeton)



EDIZIONI TRADOTTE IN RUSSO, INGLESE, ESTONE E SVEDESE:


Nel 2004 i professori del Dipartimento di Filologia Classica dell'Università russa di Saransk traducono integralmente il suo libro, pubblicandolo e diffondendolo presso le Università e i Circoli Accademici e Culturali in Russia.

Nel 2006 il suo libro viene tradotto in inglese e pubblicato negli USA con il titolo "The Baltic Origins of Homer's Epic Tales. The Iliad, the Odyssey, and the Migration of Myth" (v. sito web: http://www.innertraditions.com/isbn/1-59477-052-2 ).

Nel 2009 il libro è stato pubblicato in Estonia, col titolo "HOMEROSE EEPOSTE LAANEMERE PARITOLU" (sito http://rahvaraamat.delfi.ee/?id=63&no=R075260 ).


Nel 2009 viene pubblicata l'edizione svedese del libro, intitolata "Skandinaviskt Ursprung för Homeros Dikter", presentata alla Fiera del libro di Goteborg ("Bokmassan").


IN TELEVISIONE


Una trasmissione dedicata alla teoria di Felice Vinci e girata in Finlandia e in Norvegia, è andata in onda nel 2008, replicata nel 2009, su RAI DUE a Voyager, a cura di Giacobbo. Si segnala su Internet si trova la trasmissione, divisa in tre spezzoni da circa 8 minuti l'uno, sul sito:

http://www.youtube.com/watch?v=u9uywTyq7EA

Inoltre un servizio-intervista all'autore è su http://www.youtube.com/watch?v=OqTdKFf9IOka suo tempo andato in onda su un canale satellitare di Sky).

Make a Free Website with Yola.